Maggio – settembre 2021: è tempo di dichiarazioni fiscali


Continua, purtroppo, il particolare momento che tutti noi stiamo vivendo dal febbraio dello scorso anno a causa dell’epidemia COVID-19. I CAAF CGIL si sono subito riorganizzati per garantire attività di assistenza/consulenza fiscale e sono sempre pronti a tutelare e assistere al meglio tutti i cittadini, anche “a distanza” per chi fosse impossibilitato a recarsi di persona presso le sedi dei CAAF.

Come negli anni precedenti la FISAC CGIL, in collaborazione con i CAAF della CGIL, mette a disposizione delle iscritte e degli iscritti le proprie strutture per l’assistenza alla compilazione delle dichiarazioni fiscali.

Considerando le oggettive difficoltà che incontriamo in questo difficile periodo per svolgere tutte le attività, comunque in sicurezza, di seguito riportiamo quelle che sono le scadenze legate alla presentazione della dichiarazione fiscale per l’anno 2020 attraverso il modello 730/2021, specificando che i tempi di presentazione sono oramai stabilmente dilatati fino al 30 settembre.

Il lavoratore o il pensionato ha ricevuto dal 31 marzo il modello CU (Certificazione Unica) 2021 che certifica i redditi corrisposti nel 2020, documento indispensabile per poter presentare il modello 730.

A partire dal 30 aprile, l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione dei lavoratori dipendenti e dei pensionati il modello730 precompilato sul sito internet
https://dichiarazioneprecompilata.agenziaentrate.gov.it

Da 15 giugno al 30 settembre sono previste per i Caaf cinque scadenze per le trasmissioni telematiche del 730, a seguito delle quali l’Agenzia metterà a disposizione dei sostituti d’imposta i dati per i relativi conguagli.

Come sempre i rimborsi o gli addebiti verranno effettuati dai datori di lavoro o dagli enti pensionistici a seguito delle comunicazioni relative ai conguagli messe a disposizione dall’Agenzia delle Entrate.

I CAAF della CGIL sono pronti a prestare assistenza, in sicurezza e con competenza.
Per i colleghi iscritti alla FISAC CGIL il servizio di assistenza fiscale relativo alla elaborazione del modello 730 è gratuito!
Sarà sufficiente presentare all’operatore del CAF CGIL la tessera CGIL 2021 e ricordare che il servizio è svolto in convenzione FISAC CGIL

Per maggiori informazioni chiedi al tuo rappresentante Fisac Cgil in azienda

Per avvalerti dell’assistenza presso le sedi dei CAF CGIL puoi prenotare l’appuntamento per i CAF:

  • di L’AQUILA, SULMONA e gli ALTRI COMUNI DELLA PROVINCIA telefonando allo 0862/6600700
  • di AVEZZANO telefonando allo 0863/4040500

DOCUMENTI NECESSARI PER L’ELABORAZIONE DEL 730/2021

  • Documento d’identità e tessera sanitaria del dichiarante/erede e del coniuge in caso di 730 congiunto
  • Tessera CGIL 2021 oppure ultima busta paga per poter usufruire della tariffa agevolata.
  • Dati del datore di lavoro o altro sostituto d’imposta che provvederà ad effettuare le operazioni di conguaglio se diverso da quello che ha rilasciato la CU 2021. Si ricorda che è possibile presentare il modello 730 anche in caso di mancanza di sostituto d’imposta ed in nome e per conto di un deceduto.
  • documentazione relativa alle spese sostenute in anni precedenti per le quali nel 2020 è ancora prevista la detrazione: mutui (atto di mutuo ed atto di compravendita abitazione principale), spese per interventi di recupero patrimonio edilizio, spese di riqualificazione energetica, polizze assicurative, spese mediche rateizzate, spese per acquisto di autoveicolo rateizzato, sentenza di separazione.

Presentare sempre la dichiarazione dei redditi dell’anno precedente:
730/2020 o Modello Redditi 2020 (anno d’imposta 2019) e relativa ricevuta di invio telematico all’Agenzia delle Entrate se presentata attraverso altro intermediario.

 

TERRENI E FABBRICATI

  • Visure catastali aggiornate, atti notarili o successioni in caso di variazione rispetto alla dichiarazione precedente.
  • Per immobili locati: copia del contratto di affitto e documento attestante la registrazione all’Agenzia delle Entrate; nel caso di opzione alla cedolare secca: l’eventuale raccomandata inviata all’inquilino.
  • Contratti di locazioni brevi ed eventuali CU 2020 e CU 2021.
  • Per rivalutazione aree fabbricabili: perizia giurata e mod. F24 (mod. Redditi).

 

REDDITI

  • Certificazione Unica 2021 redditi 2020. Il Modello CU 2021 per i redditi corrisposti per pensioni e indennità INPS (disoccupazione, mobilità, cassa integrazione, maternità, LSU) potranno essere acquisiti telematicamente dal CAAF CGIL, previa idonea autorizzazione.
  • Documentazione attestante redditi o pensioni erogate da Stati Esteri nel corso del 2020.
  • Sentenza di separazione/divorzio e documentazione degli assegni periodici percepiti dal coniuge separato (bonifici – autocertificazione ex coniuge)
  • Dichiarazione del datore di lavoro delle somme corrisposte a COLF e BADANTI
  • Certificazione utili – CUPE 2021.
  • Oneri detratti o dedotti nel 2019, ma rimborsati nel 2020 – Resoconti Casse/Fondi Sanitari
  • Lezioni private/ripetizioni svolte nel 2020 da docenti titolari di cattedre nelle scuole di ogni ordine e grado: quietanze di incasso del compenso ricevuto.

 

ONERI

  • Spese mediche: fatture o ticket per spese specialistiche e generiche, scontrini dei medicinali, fatture per protesi, fatture per degenze ospedaliere e di assistenza specifica, ecc. Per i dispositivi medici: documentazione attestante la marcatura CE (anche per occhiali e/o lenti) con estremi della normativa di riferimento.
    • Nel caso di spese mediche rimborsate da Fondi o Casse Sanitarie, necessitano: Fatture e dichiarazione del Fondo o della Cassa che indica l’importo della fattura che è stato rimborsato.
  • Spese per persone con disabilità: fatture o ricevute fiscali attestanti spese mediche, mezzi necessari per la deambulazione, sollevamento, sussidi informatici, acquisto e manutenzione straordinaria di autoveicoli e motoveicoli, attestazioni di spese mediche generiche e di assistenza specifica rilasciate da case di cura, fatture per l’acquisto di cani guida per non vedenti ecc., certificazione attestante l’invalidità
  • Mutui: contratti per l’acquisto, ristrutturazione e costruzione della casa adibita o da adibire ad abitazione principale: quietanze di pagamento degli interessi passivi, contratto di acquisto dell’immobile e contratto di mutuo, fatture notarili, certificazione relativa alle spese accessorie (costi di intermediazione, oneri accessori, imposte e spese di istruttoria). Se il mutuo si riferisce alla costruzione o ristrutturazione servono inoltre le fatture dei lavori eseguiti e delle spese sostenute per opere di urbanizzazione e copia della DIA.
  • Assicurazioni sulla vita, infortuni: contratto con data stipula e quietanza di pagamento.
  • Assicurazioni vita sottoscritte a tutela delle persone con disabilità grave: polizza e premio annuale versato.
  • Assicurazioni contro eventi calamitosi su unità immobiliari ad uso abitativo: polizza e premio annuale versato.
  • Spese di istruzione: ricevute di versamento tasse d’iscrizione/mensa scolastica, pre e post scuola per frequenza scuola dell’infanzia, scuola primaria e scuola secondaria di secondo grado. Sono detraibili le erogazioni liberali, gite scolastiche, corsi di lingue o altro, deliberate dagli Istituti scolastici, poiché costituiscono incremento dell’offerta formativa, Scuola Bus.
  • Tasse Universitarie e di specializzazione post-laurea.
  • Abbonamento al trasporto Pubblico: titolo di viaggio che descriva caratteristica del trasporto, importo spesa , data e nominativo.
  • Spese per rette di asili nido e scuola dell’infanzia dei figli: quietanze di pagamento della retta di frequenza.
    • ATTENZIONE, in caso di richiesta del BONUS Asili Nido ottenuto dall’INPS, non è possibile richiedere la detrazione IRPEF.
  • Spese funebri: fattura + ricevuta di pagamento, anche sostenute per soggetti non a carico.
  • Erogazioni liberali: certificazioni rilasciate dalle ONLUS, ONG, Istituti scolastici, istituzioni religiose, partiti politici, ecc. attestanti le erogazioni liberali effettuate tramite versamenti postali o bancari, di carte di credito bancomat, carte prepagate.
  • Spese veterinarie: fatture/ricevute fiscali o scontrini di spese per la cura di animali.
  • Spese per attività sportiva dilettantistica ragazzi dai 5 ai 18 anni: quietanze di iscrizione ad associazioni sportive, palestre, piscine o altri impianti sportivi. La ricevuta deve riportare i dati anagrafici della società, i dati anagrafici di chi effettua l’attività sportiva e l’attività sportiva esercitata.
  • Spese per l’assistenza personale dei soggetti non autosufficienti: certificazione medica attestante la non autosufficienza, ricevute di pagamento, buste paga o CU rilasciata alla lavoratrice domestica inquadrata come Badante, fatture istituto di ricovero, società che fornisce il servizio di assistenza specifica.
  • Spese per sussidi tecnici/informatici atti a favorire l’apprendimento di soggetti minori o maggiorenni affetti da DSA (Disturbo specifico dell’apprendimento): certificazione medica, fattura acquisto sussidio.
  • Spese d’intermediazione immobiliare: fattura emessa dal mediatore e copia del rogito d’acquisto dell’abitazione principale.
  • Contributi previdenziali obbligatori e facoltativi: riscatti e/o ricongiunzioni ai fini pensionistici, e/o versamenti Inail per infortuni domestici.
  • Riscatto laurea agevolato – Pace Contributiva – D.L. 4/2019: Autorizzazione INPS + versamenti effettuati nel 2020.
  • Contributi a Fondi di Previdenza Complementare e/o Fondi Casse Sanitarie: certificazioni rilasciati dagli Enti cui si aderisce.
  • Assegno periodico corrisposto al coniuge: sentenza di separazione o divorzio, omologate dal Tribunale, ricevute attestanti i bonifici effettuati al coniuge, in mancanza, autocertificazione rilasciata dal coniuge circa le somme ricevute, corredata dal documento d’identità e codice fiscale del coniuge percettore.
  • Spese per canoni di locazione: contratto di locazione registrato, anche per gli studenti: contratto e ricevute del locatore che attestino il pagamento del canone.
  • Spese per canoni di leasing per abitazione principale: contratto leasing, fatture periodiche.
  • Spese di ristrutturazione edilizia: fatture, bonifici, copia della comunicazione di inizio lavori oppure autocertificazione nel caso in cui non necessiti Autorizzazione Comunale. Certificazione dell’Amministratore per le spese eseguite per parti condominiali, in caso di bonifico effettuato per errore con modalità ordinaria: autocertificazione ditta esecutrice dei lavori
  • Spese di riqualificazione energetica: fatture e bonifici, certificato di asseverazione redatto dal tecnico, ricevuta di invio telematico o ricevuta della raccomandata di invio della documentazione all’ENEA. In caso di bonifico ordinario: autocertificazione ditta esecutrice i lavori.
  • Spese risparmio energetico/ristrutturazione edilizia per installazione di contabilizzatori di calore e/o dispositivi multimediali per controllo da remoto: fatture e bonifici
  • Spese per acquisto mobili, destinati ad arredare l’immobile oggetto di ristrutturazione, ma deve trattarsi di un nuovo intervento di ristrutturazione iniziato dal 2019. Copia di fatture, ricevute di pagamento (bonifici o estratto carta di debito e/o di credito).
  • Spese di ristrutturazione edilizia finalizzate a ridurre il rischio sismico: documentazione rilasciata dal tecnico che abbia periziato l’immobile prima e dopo l’intervento di ristrutturazione, Autorizzazioni Comunali, fatture e bonifici specifici.
  • Spese per infrastrutture di ricarica veicoli elettrici: fatture e bonifici.
  • Bonus verde: Sistemazione a verde di aree scoperte edifici esistenti per lavori non eseguiti in autonomia. Fatture e bonifici attestanti i pagamenti.
  • Crediti d’imposta relativi ad anni precedenti: in caso di predisposizione di dichiarazione integrativa a favore presentata per gli anni d’imposta: 2015, 2016, 2017, 2018 Presentare la Dichiarazione + Ricevuta avvenuto invio telematico.

 

TRACCIABILITA’ DELLE SPESE DETRAIBILI


Dall’anno 2020 le spese che danno diritto alla detrazione del 19% spettano solo a condizione che siano state pagate con mezzi di pagamento tracciabili. Sono ammessi i versamenti eseguiti con bonifici bancari e postali, carte di credito, debito e prepagate, assegni bancari e circolari. Il contribuente deve dimostrare la tracciabilità mediante prova cartacea del pagamento tracciabile (es. ricevuta bancomat) oppure mediante l’annotazione in fattura o ricevuta fiscale del sistema di pagamento.
Sono escluse da questa disposizione le spese sostenute per acquisto di medicinali, dispositivi medici (anche occhiali) e prestazioni sanitarie rese in strutture sanitarie pubbliche o strutture private accreditate al SSN.


Importante!


Quelle riportate sono le spese più frequenti. Tuttavia, Vi invitiamo ad esibire la documentazione relativa ad eventuali ulteriori oneri affinché i nostri operatori possano valutare l’eventuale diritto ad ulteriori agevolazioni. Ricordiamo che molte delle spese elencate danno diritto alla detrazione anche se il costo è stato sostenuto dalle persone fiscalmente a carico. inoltre, quando l’onere è stato sostenuto per i figli, la detrazione spetta al genitore al quale è intestato il documento che certifica la spesa (fatta eccezione per le spese mediche). Se il documento è intestato al figlio, la spesa viene ripartita tra i due genitori che, eventualmente, possono suddividerla liberamente tra loro

 

ACCONTI

  • Modello F24 per pagamento di acconti e/o compensazioni di IRPEF – Add. Comunale e Regionale – Cedolare secca e relative ricevute telematiche, ove previsto.

 

AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO


Gli amministratori di condominio in carica al 31/12/2020 che presentano il 730 possono compilare il nuovo QUADRO K, per inviare la comunicazione relativa ai fornitori e agli acquisti di beni e servizi del condominio e fornire inoltre gli identificativi catastali del condominio nel caso siano stati realizzati interventi di recupero del patrimonio edilizio.

 

La documentazione relativa a quanto indicato nel modello 730 deve essere consegnata al CAAF per l’apposizione del visto di conformità, anche se i dati sono presenti nella dichiarazione precompilata predisposta dall’Agenzia delle entrate.


Ai fini dell’apposizione del visto di conformità il CAAF è tenuto a verificare la documentazione indicata nella Circolare, che costituisce la Guida alla dichiarazione dei redditi delle persone fisiche relativa all’anno d’imposta oggetto della dichiarazione, aggiornata annualmente dall’Agenzia delle entrate.


 

Ecco alcune delle novità fiscali che troviamo nel modello 730/2021 dichiarazione reddituale anno 2020:

Il nuovo bonus Irpef, che sostituisce l’ormai ex bonus Renzi; dallo scorso 1° luglio, infatti, è stato previsto un credito Irpef di 100 euro e una detrazione di 80 euro, per i redditi sopra i 28.000 euro, fino ad azzerarsi ai 40.000 euro.

l credito di imposta per l’acquisto di biciclette e monopattini, il cosiddetto bonus bici, per favorire la mobilità sostenibile;

l’inserimento degli importi delle donazioni a sostegno delle misure di contrasto dell’emergenza coronavirus, che possono essere portati in detrazione.

il bonus facciate, la detrazione del 90% delle spese per le ristrutturazioni degli esterni di edifici ubicati nelle zone A e B;

IL SUPERBONUS 110% – Nel caso siano state sostenute spese per interventi cosiddetti Trainanti o Trainati a partire dal 1/07/2020 e si intende richiedere la detrazione in dichiarazione oppure si voglia richiedere al CAAF Lazio CGIL assistenza per l’apposizione del visto di conformità e quindi la Cessione del Credito o lo Sconto in Fattura è necessario richiedere una consulenza specifica.

Nel caso per le stesse spese o anche per le spese di ristrutturazione edilizia o per le spese di risparmio energetico sia stato richiesto al fornitore lo Sconto in Fattura oppure sia stato richiesto ad un Istituto di credito o ad un intermediario finanziario la Cessione del Credito è necessario comunque presentare in sede di elaborazione del modello 730/2021 la relativa documentazione.

 

LE SEDI DEI CAAF CGIL IN PROVINCIA DI L’AQUILA:

Chi vuole può invece prenotare direttamente un appuntamento presso le sedi del CAF CGIL L’Aquila

L’AQUILA Via G. Saragat Nucleo Industriale Pile – L’Aquila, Tel. Centralino 0862.66001, mail: aquila@caafabruzzocgil.it

CARSOLI Via Roma, 57 – Carsoli, Tel. 0863.995888 – 0863.404038, mail: avezzano@caafabruzzocgil.it

LUCO DEI MARSI Piazza Umberto I – Luco dei Marsi, Tel. 0863.40401, mail: avezzano@caafabruzzocgil.it

CASTEL DI SANGRO Via Sangro snc – Castel di Sangro, Tel. 0864.845673, mail: sulmona@caafabruzzocgil.it

PRATOLA PELIGNA Via Levante 37 – Pratola Peligna, Tel. 0864.273143, mail: sulmona@caafabruzzocgil.it


SERVIZI FISCALI ANNO 2021 FISAC CGIL L’AQUILA
SERVIZI AGLI ISCRITTI Il servizio di assistenza fiscale modello 730  per gli iscritti FISAC CGIL  è gratuito.
Nulla sarà dovuto agli sportelli fiscali CGIL da chi si presenterà con la tessera CGIL 2021 ( sono esclusi  gli altri servizi  fiscali ) –
per ogni informazione fisac.aq@abruzzo.cgil.it
Via G. Saragat (loc. Nucleo Ind. Pile) 67100 L’Aquila

image_pdfScarica PDF di questo articoloimage_printStampa articolo